Recensione Fighters Destiny (Nintendo 64, 1998)

Ladies and gentlemen, welcome to today’s challenge

Produttore: Genki
Anno: 1998
Genere: Picchiaduro
Distribuito da: Ocean Software/Imagineer

Leon le prende sempre

Gran picchiaduro a incontri, “Fighters Destiny” oltre ad essere considerato dai più come il miglior picchia-picchia per Nintendo 64, è una validissima risposta ai vari Tekken e Virtua Fighter. Ma non è un semplice clone dei picchiaduro 3D più noti (fuggi da questo corpo Kensei Sacred Fist!), perché nei punti in cui i “rivali” esibiscono furia cieca, mosse speciali spaccaossa, e combo con 54000 tasti premuti contemporaneamente, il nostro mostra un gameplay molto tecnico e realistico (pur essendo sempre fruibile e mai troppo ostico, se non ai livelli di difficoltà più alti), molto più vicino a quello che può essere un picchiaduro di “simulazione sportiva” piuttosto che un picchiaduro “classico”.

Ryuji e Leon: LET'S START TO FIGHT!

GIOCABILITA’: Realistica ed entusiasmante proprio per questo. Fighters Destiny bandisce il vecchio sistema del “premo tasti a casaccio e spero di fare una supermossa” con un combattimento lento e “intelligente”, che richiede prima lo studio dell’avversario e delle sue debolezze e poi l’affondo, proprio come nei veri incontri di arti marziali. La differenza principale con gli altri titoli del genere picchiaduro è l’introduzione di un sistema di punti che attribuisce vittoria e sconfitta negli incontri: la caduta fuori dal ring varrà 1 punto, il throwdown 2 punti, il knock down 3 punti, il contrattacco (“counter”) altri 3 punti, la “Special” 4 punti, e se dopo 60 secondi di gioco un giocatore non riesce a imporsi nella frazione interviene un giudice che assegna un punto a chi si è battuto meglio. Non c’è nemmeno la classica barra della vita a decidere le sorti dei giocatori: è sostituita con una barra dell’energia che se si esaurisce a suon di botte prese farà diventare il personaggio viola (con tanto di stelle attorno alla testa), incapace di reagire finché la barra non si ricarica e perciò estremamente vulnerabile all’avversario, che avrà tutto il tempo e il modo di mettere a segno una mossa speciale (knockdown o special) e portarsi a casa punti pesanti. Nelle impostazioni di default gli incontri vanno sulla lunghezza dei 7 punti ma tutto ciò può essere modificato a nostro piacimento nelle “opzioni”. Le mosse non sono tante, ma sono tutte fedeli a ciò che effettivamente potrebbe fare un vero lottatore impegnato sul ring, a parte qualche mossa speciale più spettacolare. Infine va detto che gli avversari usati dalla cpu sono dotati di una IA più che buona: in particolare “memorizzano” i colpi con cui sono stati abbattuti nei round precedenti e tendono ad essere più prudenti in certi punti o a diversificare i loro attacchi.

Il sistema di punteggio

Ninja vince per "judge score"

MODALITA’ DI GIOCO: Non tantissime, ma sopra la media dei picchiaduro coevi. Si comincia col “Vs Com”, ed è inutile che vi spieghi di cosa si tratta: dieci incontri con gli avversari controllati dalla cpu. Poi c’è la “vs Battle”, multiplayer col classico “Normal” o il “Win or lose” in cui si può sfidare il personaggio che il nostro avversario ha fatto “crescere” nel “Master Challenge” (ne scriverò tra poco). La longevità di FD è garantita in particolare dalle divertenti sfide della modalità “Record Attack”: il “Survival” in cui dobbiamo combattere 100 incontri al fulmicotone decisi da un solo punto, il “Fastest” in cui dobbiamo sconfiggere i nostri avversari in un minuto e la delirante modalità “Rodeo” nella quale dovremo resistere sul ring per un minuto battendoci con la violentissima mucca Ushi (esatto, un bovino pezzato con tanto di anello al naso, che picchia come un ossesso!). Infine oltre all’usuale modalità Training, c’è la già citata Master Challenge: una serie di incontri contro un anziano e saggio maestro di arti marziali che se battuto ci insegnerà nuove mosse da salvare nel Controller Pak. Tutto molto bello se non dovessimo incontrare anche il malvagio e fortissimo Joker, che se ci sconfiggerà causerà direttamente il Game Over perdendo tutti i progressi ottenuti e non salvati. I personaggi utilizzabili sono inizialmente nove, raggruppabili in gruppi per caratteristiche fisiche e stile di combattimento. Gli “all-rounder”: il karateka Ryuji, il ninja Ninja (record mondiale di originalità per il nome, ma a mio parere lui è il picchiatore più efficace :D), e il tamarro ispanico Leon; quelli agili e veloci: la cinese Meiling, la velocissima tedesca Valerie e il clown francese Pierre; ultimo “gruppo” i grossi e cattivi: il wrestler Tomahawk, il picchiatore brasileiro Bob e il lottatore mongolo Abdul. Oltre a questi possiamo sbloccare Boro (il boss finale della modalità “vs Com”), Joker, Master, il robot Rob e la scenografica mucca Ushi 😀 Purtroppo tra i lati negativi del gioco c’è la scarsa personalità di questi: nessun personaggio ha un carattere o degli atteggiamenti sufficienti a lasciare il segno nella fantasia dei videogiocatori.

La schermata di selezione dei nostri eroi

GRAFICA: i modelli poligonali dei lottatori sono massicci e solidi, e la loro fisicità è ben espressa ed efficace in fase di combattimento. Altrettanto valido il livello di dettaglio dei volti, ma purtroppo il gioco cede sui fondali delle arene: piatti e oscuri, con un brutto effetto “carta da parati” che fa tanto Kensei Sacred Fist (brrr). Menzione speciale per lo sfondo della modalità “Rodeo” in stile bambinesco, molto divertente.

Tomahawk mazzocca la povera Valerie

SUONI E MUSICA: come spesso accade nei videogiochi, i temi di sottofondo sono godibili se presi in piccole dosi. Fighters Destiny non fa eccezione. La cosa simpatica è che ogni tema è legato alla nazionalità o alle caratteristiche peculiari del personaggio che usiamo o sfidiamo. Ancora una volta la modalità “Rodeo” si distingue per la sua spassosa colonna sonora 😀 Bella idea quella di inserire uno speaker con qualche frase di contorno al match, così come sono credibili le voci dei personaggi.

CONTROLLI: spesso non rispondono benissimo, con la prontezza che tanto sogniamo (in particolare la croce direzionale: più di una volta prenderemo botte inutili perché il nostro uomo schiverà in ritardo i colpi nemici, e ciò sarà ancora più irritante quando dei nemici aggrappati a bordo ring ci trascineranno giù beccandosi due punti perché non siamo arretrati in tempo) comunque non inficiano la bontà di Fighters Destiny, anche grazie alla sua stessa natura di videogame più “lento” dei consueti picchiaduro. Piuttosto non mi spiego il mancato uso della croce “C”

Ryuji a terra, in evidente difficoltà

LONGEVITA’: le tante modalità di gioco aumentano la longevità notevolmente, con una meritata menzione per il “Master Challenge”. Io poi sto veramente spremendo questo gioco, che mi ha conquistato come pochi, almeno negli ultimi tempi, quindi non mi pongo neanche problemi di effettiva longevità, scendo sul ring, picchio e basta 😀

La schermata del Master Challenge

Per quel che mi riguarda, trovo che saccagnare di botte gli omini poligonali di Fighters Destiny sia una delle esperienze videoludiche più complete e appaganti che ho provato negli ultimi mesi. Promosso a pieni voti 😀

PAGELLA

GIOCABILITA’: 9

GRAFICA: 8

MUSICA E SUONI: 8

CONTROLLI: 8

LONGEVITA’: 9

TOT: 8,4

Annunci
Articolo precedente
Lascia un commento

5 commenti

  1. Graficamente parlando mi sembra ben realizzato. Finalmente un bel “picchia picchia” sul 64 che non sia MK o Killer Instinct… Bella recensione!

    Rispondi
    • jaaak87

       /  23 febbraio 2012

      Grazie Sergio 🙂 Comunque è difficile paragonarlo a MK e Killer Instinct: niente velocità frenetica o fatality, questo è molto più realistico. Penso che potrebbe piacerti, visto che pratichi arti marziali 🙂

    • si si potrebbe, lo sai che sono difficile in fatto di picchiaduro 😀 In questi anni solo la serie DoA mi ha restituito e confermato con i fatti una vera simulazione marziale. Non avendo il 64 mi rivolgerò all’emulazione, visto che l’unica persona che conosco che possedeva il N64 lo ha letteralm “bruciato” poco tempo fa… e addio Perfetc Dark e le partitone LOL mannagia a lui 😀 .
      Cmq proverò il suddetto gioco, magari in attesa di prendere un 64 usato a buon prezzo 🙂

  2. a parte la sequenza del salto alla “Hayabusa”, i primi 4 secondi del ninja è vero Ninjitsu, o meglio Taijitsu conforme al Fu (elemento del Vento). Se togli il luccichio finale del colpo molto jappo, è realistico, confermo 😀

    Rispondi
    • jaaak87

       /  23 febbraio 2012

      Oh questa è la considerazione che mi soddisfa di più 🙂 Vuol dire che le mie impressioni erano giuste 😀 Comunque provalo, ti piacerà sicuramente 😉

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: